Giunti a casa, dove ci sedemmo, lei in grembo a me, dopo un lungo caldo discorso con John Golz, che entrò a salutarla, ma trovò anche me, e avreb­be anche potuto andarsene, ma nel mio nuovo spi­rito io volevo subito mostrargli che lo rispettavo e che gli volevo bene, e gli parlai, e rimase due ore e io vidi quanto in realtà seccava Mardou parlandole di letteratura più di quanto lei non fosse interessa­ta e anche di cose che risapeva da un pezzo - po­vera Mardou.

Così se ne andò, ed io me la ripresi in grembo, e lei parlò della guerra fra gli uomini - “Si fanno la guerra, per loro la donna è una preda, per Yuri è solo che la tua preda ha meno valore ora.”

“Si,” dico, triste, “ma io avrei dovuto fare più at­tenzione a quel vecchio drogato, che diceva che c’è un’amante a ogni cantone - tutte eguali, ragazzo, non ti fissare con una.

“Non è vero, non è vero, quel che Yuri vuole è che tu vada giù da Dante tutti e due a ridere e a parlare di me e concludere che le donne van bene a letto e ce ne sono tante. - Io credo che tu sia co­me me - tu vuoi un solo amore - così, gli uomini trovano l’essenza nella donna, c’è un’essenza” (“Si,” pensavo, “c’è un’essenza ed è il tuo utero”) “e l’uo­mo che ce l’ha, la tiene in mano, invece scappa via a innalzare grosse costruzioni.” (Avevo letto le pri­missime pagine di Finnegans Wake e gliele spiegai dove Finnegan sta sempre a mettere “costrutto so­pra costrutto sopra costrutto» sulle rive del Liffey - merda!)

“Non dirò nulla,” pensavo - “Penserai che non sono un uomo se non impazzisco?”

“Proprio come la guerra di cui dicevi.”

“Anche le donne si fanno guerra - Oh che si fa? Penso - ora vado a casa, ed è tut­to finito davvero, non soltanto ora lei è seccata e ne ha avuto abbastanza ma mi ha offeso con un incerto senso adulterio, è stata infedele, come profetiz­zato nel sogno, il sogno di sogno sanguinoso - mi vedo mentre afferro Yuri per la camicia e lo sbatto per terra, lui tira fuori un coltello iugoslavo, io afferro una sedia per tenerlo a bada, tutti stanno a guardare... ma io continuo il sogno a occhi aperti e vedo all’improvviso il barbaglio di un angelo buffo­ne che ha fatto tutto un gioco della sua presenza sul­la terra e capisco che anche questo con Mardou è stato un gioco e penso: “Angelo buffo, alto in alto in mezzo ai sotterranei.»

“Bimbo sta a te e quello che sta dicendo lei, a quante volte mi vuoi vedere e tutto - ma io desi­dero essere indipendente dico.”

E io vado a casa avendo perso il suo amore.

A scrivere questo libro.


Download ◙ Kerouac Jack - I sotterranei

Par sogno - Publié dans : leggo - Voir les 0 commentaires
Lundi 8 février 1 08 /02 /Fév 10:31

Ecrire un commentaire
Retour à l'accueil

Image Hosted by ImageShack.us    Image Hosted by ImageShack.us    Image Hosted by ImageShack.us    Image Hosted by ImageShack.us    Image Hosted by ImageShack.us

Commenti recenti

Octobre 2017
L M M J V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
<< < > >>
Créer un blog sexy sur Erog la plateforme des blogs sexe - Contact - C.G.U. - Signaler un abus - Articles les plus commentés